Oltre le parole…Comunicare, guidare, insegnare

Un’esperienza di formazione per Operatori del Benessere, per la consapevolezza dei molteplici aspetti della comunicazione, al fine di migliorare la propria efficacia nel trasmettere esperienze e conoscenze nell’ambito delle metodiche di cura e auto-cura della persona

Nel particolare contesto di Pomaia, nel borgo tra le colline toscane, vicinissimi al celebre monastero buddhista di Lama Tzong Khapa, si è svolta un’esperienza formativa sul tema della Comunicazione interpersonale e nel gruppo, a favore di un selezionato gruppo di operatori di terapia biodinamica cranio-sacrale del Corso di formazione triennale tenuto dal Maestro Gioacchino Allasia.

A conclusione di questo percorso di studio, il M.ro Allasia ha ritenuto interessante fornire indicazioni ed esperienze utili ai futuri assistenti/ insegnanti che lo coadiuveranno nello svolgimento delle nuove iniziative formative in programma.  Oltre alle indubbie capacità maturate nel campo dei trattamenti  specifici, è infatti risultato importante saper condividere, esporre, trasmettere i contenuti in modo incisivo ed efficace, sapendo cogliere le opportunità di miglioramento sia in merito al linguaggio verbale che, in particolare, rispetto ai segnali non-verbali che sono fonte preziosissima di informazione sull’esito del nostro comunicare.

Una maggiore conoscenza che diventa consapevolezza, entra a far parte del nostro modo di essere e di porci in relazione agli altri, per condividere più chiaramente e valorizzare al meglio sia i contenuti che le esperienze e i valori che intendiamo trasmettere.

L’attenta e viva partecipazione del gruppo ha restituito ai conduttori del corso altrettanta soddisfazione e la rinnovata conferma del valore di esperienze come questa.

Un ringraziamento di cuore al maestro Gioacchino e a tutti i partecipanti!

Stasera…mi Armonizzo !

      Nessun commento su Stasera…mi Armonizzo !

Una serata di movimento dolce, respirazione e meditazione per armonizzare e rigenerare le proprie energie, con pratiche ispirate alle arti orientali

GIOVEDI’  8  GIUGNO – ore 20 / 21.30

Al Centro olistico Naturalis di Vigarano Mainarda (FE) – via Rondona 11/7 

I movimenti lenti e armonici del Qi Gong, l’arte del respiro consapevole, la forza dell’immaginazione guidata che orienta il pensiero e con esso l’energia, sono alcune delle pratiche che si potranno sperimentare ed apprendere per poter essere utilizzate in autonomia e a proprio piacere, nel percorso di auto-cura e di auto-educazione di cui si avrà un ‘assaggio’ giovedì 8 giugno al centro Naturalis, condotti dal maestro di tecniche integrate per il benessere, William Bettini, fondatore dell’associazione Synesis.

A settembre l’inizio dell’attività continuativa settimanale.

info: AnnaRita 3311112938 – Emanuela: 3356978547

 

 

Iniziative in Romagna…all’aria aperta!

 

DOMENICA  28  MAGGIO –  PRATICHE DI RISVEGLIO ENERGETICO 

ALL’INTERNO DELLA GIORNATA ” NATURALMENTE”  A  CONSELICE 

Primi incontri di Armonizzazione Corporea nella Natura

VENERDI’  9  GIUGNO  SI POTRA’  PROVARE L’ESPERIENZA DI

SENTIRSI BENE IN MEZZO ALLA NATURA

IMPARANDO SEMPLICI PRATICHE DI ARMONIZZAZIONE CORPOREA

DALLE  19.00  ALLE 20.15   AL PARCO COMUNALE DI CONSELICE

INFO : GIANLUCA PATUELLI  / ROSA  BANZI – 3381837841  –  3493656262  r.banzi@virgilio.it

GLI INCONTRI DI ARMONIZZAZIONE CORPOREA PROSEGUIRANNO

NEI VENERDI’  16 – 23 – 30 GIUGNO DALLE 19.00 ALLE 20.15

AL PARCO COMUNALE DI CONSELICE

INFO : GIANLUCA PATUELLI  / ROSA  BANZI – 3381837841  –  3493656262  r.banzi@virgilio.it

Cura di sé attraverso il movimento che collega alla natura

 

 

 

 

Una giornata da regalarsi, tempo da dedicare alla conoscenza del corpo, del movimento che rilassa, tonifica, aiuta il rinnovamento nella stagione che apre ad un nuovo ciclo nel mondo naturale, la Primavera. Con l’aiuto delle antichissime pratiche tratte dal qi gong, movimenti armonici che le donne di un tempo lontanissimo inventarono osservando ciò che avviene in natura, il modo di muoversi degli animali, che esprime diverse caratteristiche, emozioni, diverse qualità dell’energia della vita.

 


Figli di questa Terra, prodotti dell’evoluzione in questo pianeta, dimentichiamo quanto sia vitale per noi il collegamento con l’ambiente naturale, nel quale siamo costantemente immersi, anche se viviamo così tanto spesso distaccati, e inconsapevoli, del nutrimento che viene dalla terra, dall’acqua, dal sole e dall’aria. In noi si riassumono aspetti minerali, vegetali,animali: sono scritti nel nostro DNA. Ci distingue l’autocoscienza, la capacità di creare, trasformare e modificare l’ambiente, ed imparare ad imparare. Per non essere, noi umani, ‘corpi estranei’ distruttivi nel pianeta, la sfida è avere l’intelligenza, la sensibilità, e la capacità di visione evoluta, per scegliere di collaborare con la vita naturale, nel mondo come dentro di noi.    Oltre ad essere una scelta etica, è necessaria per la nostra salute, ed è indispensabile per scongiurare  l’avvio dell’umanità verso orizzonti futuri di autodistruzione.

La consapevolezza nella comunicazione

“Comunicare con calma” è il titolo della giornata di pratica e riflessione sulla comunicazione e le relazioni interpersonali che si è svolta a Imola (RA) lo scorso 5 marzo.

Nel vasto mondo della comunicazione, che sembrerebbe oggi favorita dallo sviluppo dei mezzi tecnologici, si sente più forte il bisogno di comprendere e ‘sentire’ cosa davvero avviene quando ci disponiamo allo scambio con gli altri, in un gruppo o con un’altra persona, divenendo più consapevoli dei vari aspetti che entrano in gioco.

Le incomprensioni, i fraintendimenti e in genere le difficoltà nel comunicare riflettono la complessità dell’essere umano, con la propria visione del mondo, con personali modelli interpretativi, con aspettative, bisogni emotivi, esperienze pregresse che influenzano il modo di porsi in relazione.

Il contatto e l’ ‘ascolto’ di sè sono condizioni favorevoli alla capacità di sentire l’altro, o gli altri, anche al di là delle parole, posto che il significato della comunicazione è dato soprattutto dal ‘non-verbale’ che le accompagna o anche le sostituisce.

La calma allora è la condizione utile a sentirsi ‘centrati’ e aperti all’ascolto, e insieme anche più capaci di esprimere il nostro sentire o il nostro punto di vista, senza essere giudicanti nei confronti altrui.

Se una sola giornata non può bastare ad esaurire questo tema, può però essere l’occasione per vivere un’esperienza giocosa, in cui cioè ‘mettersi un po’ in gioco’ per riconoscere ciò che ostacola e ciò che facilita la comunicazione, sperimentando diverse modalità, per poter vedere con occhi nuovi quanto avviene, al fine di trovare più efficaci vie da percorrere per  una maggiore soddisfazione nelle relazioni.

Il gruppo dei partecipanti ha ‘giocato’ con coinvolgimento e divertimento, perchè è giocando seriamente che si impara meglio, e il divertimento è necessario, dato che porta a ‘divergere’ dal pensiero abituale sulle cose.  Grazie a tutti voi che avete reso possibile questa esperienza.